COS’È PHARMUP?

Network

PharmUP è una piattaforma di in-formazionesupporto e scambio, pensata per aiutarti a fare un salto di qualità nella tua professionalità quotidiana.

L'iscrizione è gratuita

 

Touch

Un nuovo, prezioso alleato per compiere o completare l’evoluzione della tua farmacia nella direzione di un nuovo modello, più reattivo e più agile nel contesto di oggi: la farmacia digitale.

 

Social

PharmUP è il tuo “social network professionale”: uno spazio di condivisione per tutti i farmacisti e professionisti del settore farmacia dove puoi condividere competenze, assistenza ed esperienze con gli altri membri della community, per guardare assieme, più forti e più uniti, alle sfide del mercato e del settore.

PERCHÉ REGISTRARSI?

Check

Per accedere, gratuitamente, a tutti i contenuti, informativi e formativi

 

Convo

Per trovare rapido riscontro e assistenza nei contributi e nei consigli dei colleghi

 

Idea

Per scambiare opinioni, riflessioni e soluzioni

 

Newspaper

Per seguire i principali aggiornamenti del settore, discuterli, rifletterci su

 

Growth

Per accrescere e arricchire competenze, capacità, metodologie, strategie

 

Pharmacy

Per arrivare a ridefinire, insieme, il modello di farmacia di domani, grazie anche – ma non solo – al supporto del prodotto CGM

COME REGISTRARSI?

Per aprire un’utenza su PharmUP ti bastano 3 minuti:

2 minuti per creare un’utenza su CGMlife ID, il sistema di autenticazione ufficiale CGM, che ti garantisce la massima sicurezza e protezione dei dati
ti è sufficiente inserire qualche semplice informazione anagrafica, una mail e una password

1 minuto per completare la tua iscrizione su PharmUP, accettando privacy policy e accordi di servizio e rispondendo a qualche semplice domanda per dichiarare se la tua farmacia è cliente CGM o meno
ti viene chiesto di dichiarare se sei già Cliente CGM e se lavori o meno in farmacia

Registrati gratis Serve aiuto?

02.09.2020
Il consumatore è cambiato: quali le conseguenze?

Il consumatore è cambiato: quali le conseguenze?

Farmacia

Riflettiamo assieme sull'articolo della rivista Farma7, partner di PharmUP.
95

Il 2020 è stato un anno impegnativo per tutti, sia sul piano personale sia su quello professionale, e ha modificato radicalmente il comportamento del consumatore
Le farmacie, tra le poche attività a rimanere aperte anche durante il lockdown, non sono state da meno; anche la loro clientela ha iniziato a mostrare segni del nuovo approccio all’acquisto al dettaglio. L’articolo che puoi leggere qui di seguito, pubblicato su PharmUP in collaborazione con la rivista Farma7, illustra nel dettaglio il nuovo scenario.

Dalla rivista Farma7, 15 luglio 2020

Assai interessante la fotografia che la società di ricerche IRi fa del consumatore medio italiano, raffrontando i suoi comportamenti prima e dopo l’esperienza Coronavirus. Ce la propone un recente articolo di “Pharmacy Scanner” che evidenzia come l’atteggiamento d’acquisto del cittadino sia completamente cambiato, con notevoli conseguenze per tutta l’attività commerciale, farmacia compresa. Insomma, la paura di Covid-19 e le misure di distanziamento sociale hanno sconvolto sia le abitudini di consumo, sia i riti d’acquisto, come pure i percorsi e i luoghi usuali della spesa. Non solo: va riscritto anche il concetto di loyalty, perché in pochi mesi si è modificato il rapporto tra consumatore e brand, cioè tra prodotti e negozi, e tutte queste novità vanno considerate e tenute sotto osservazione, per evitare il rischio di una dissonanza tra domanda e offerta.

Report

Prima della pandemia, riporta il Report IRi, le famiglie compravano in più punti vendita, selezionati sulla base di criteri personali e predefiniti. Una ricerca antecedente al Covid-19, infatti, precisava che in un anno l’83% dei consumatori acquistava in sei differenti insegne e format della Gdo, mentre ora le famiglie evitano i lunghi giri per supermercati e la fedeltà premia il punto vendita dove si può comprare con un solo passaggio gran parte della spesa, che diventa assai meno frequente. Inoltre, oggi il consumatore valuta il punto vendita anche su questioni relative alla sicurezza, che prima erano totalmente trascurate. Ecco le domande inconsce che si fa: “quanto viene applicato e rispettato il distanziamento sociale? Le presenze come sono governate all’interno del negozio? Qui sono al sicuro?”.

 

Domanda

E non solo. Prima ancora di varcare la soglia di un negozio, ecco le domande che oggi, a differenza di un tempo, si pone il consumatore: qual è il negozio più vicino? Quanta coda devo fare per entrare? Trovo il prodotto, senza dover tornare? In poche parole abbiamo di fronte un nuovo consumatore, con ben diverse esigenze, e quindi a chi si trova dall’altra parte del banco non rimane che cambiare atteggiamento. Innanzitutto, il primo consiglio offerto è di giocare la carta della trasparenza: “Accertatevi che i clienti comprendano che cosa state facendo per loro”; “dimostrate un’adeguata sensibilità per la sicurezza del personale e del pubblico”.

 

Pricetag

Stesso discorso vale per prezzi e promozioni: i clienti notano se ci sono aumenti o si fanno meno sconti e se sono state cambiate le politiche di pricing abituali. “Se riuscite a far capire i motivi per cui è stato necessario eliminare le promozioni” osserva IRi “la gente forse comprenderà. Una maggiore trasparenza aiuta a generare fiducia e consoliderà nel tempo la loyalty”. Al contrario, va evitata ogni pressione sui clienti affinché acquistino di più o più spesso. Oggi -afferma il report IRi- la ricerca dell’acquisto personalizzato si è fatta ancora più importante di prima e, di conseguenza, bisogna impegnarsi a comprendere le esigenze di ogni singolo cliente, affinando la conoscenza delle persone che visitano il nostro punto vendita. Chiediamoci: “quanto “salutistico” c’è nella loro spesa? Qual è il loro budget? E la composizione della loro famiglia?”.

 

Facemask

L’emergenza Coronavirus ha cambiato per sempre le vite di milioni di persone e molti economisti prevedono tra breve una recessione “storica”, che influirà sui comportamenti e sugli acquisti al dettaglio. Aggiornare in continuazione la conoscenza del proprio cliente, attraverso l’uso dei dati che arrivano da carte fedeltà e dalle piattaforme di loyalty -è la conclusione cui giunge IRi- aiuterà a segmentare accuratamente i clienti, in modo da raggiungerli efficacemente con la giusta comunicazione e il marketing più appropriato.

 

 

Qual è stata la tua esperienza in merito? Condividila con la community e lascia un commento qui sotto.

 

 

Per lasciare un commento e condividere il tuo pensiero con la community, completa la tua iscrizione a PharmUP!

Registrati Login

Registrati su CGMlife

CGM Life

Per effettuare la registrazione usciamo un momento da PharmUP... ma torniamo subito :)

Giusto il tempo di  aprire un'utenza su CGMlife, il sistema di autenticazione ufficiale CGM, che ti garantisce la massima sicurezza e protezione dei dati.

Dopodiché torniamo su PharmUP dove per completare l'iscrizione ti basterà  1 minuto: ti verrà solo chiesto di accettare privacy policy e accordi di servizio, e di rispondere a qualche semplice domanda per capire se la tua farmacia è cliente CGM o meno.

Pronti? Partenza... PharmUP!

Registrati su CGMlife

Questo sito utilizza cookie di funzionalità persistenti e cookie analitici anonimizzati, anche di terze parti, per raccogliere informazioni sull’utilizzo del Sito Internet da parte degli utenti. Per saperne di più o per ricevere istruzioni su come opporsi alla registrazione dei cookie tramite browser, consulta la nostra Cookie Policy.

  
Ho preso visione