BENVENUTI SU PHARMUP

Registrarsi è gratis

COS’È PHARMUP?

Network

PharmUP è una piattaforma di in-formazionesupporto e scambio, pensata per aiutarti a fare un salto di qualità nella tua professionalità quotidiana.

 

Touch

Un nuovo, prezioso alleato per compiere o completare l’evoluzione della tua farmacia nella direzione di un nuovo modello, più reattivo e più agile nel contesto di oggi: la farmacia digitale.

 

Social

PharmUP è il tuo “social network professionale”: uno spazio di condivisione per tutti i farmacisti e professionisti del settore farmacia dove puoi condividere competenze, assistenza ed esperienze con gli altri membri della community, per guardare assieme, più forti e più uniti, alle sfide del mercato e del settore.

PERCHÉ REGISTRARSI?

Check

Per accedere, gratuitamente, a tutti i contenuti, informativi e formativi

 

Convo

Per trovare rapido riscontro e assistenza nei contributi e nei consigli dei colleghi

 

Idea

Per scambiare opinioni, riflessioni e soluzioni

 

Newspaper

Per seguire i principali aggiornamenti del settore, discuterli, rifletterci su

 

Growth

Per accrescere e arricchire competenze, capacità, metodologie, strategie

 

Pharmacy

Per arrivare a ridefinire, insieme, il modello di farmacia di domani, grazie anche – ma non solo – al supporto del prodotto CGM

COME REGISTRARSI?

Per aprire un’utenza su PharmUP ti bastano 3 minuti:

2 minuti per creare un’utenza su CGMlife ID, il sistema di autenticazione ufficiale CGM, che ti garantisce la massima sicurezza e protezione dei dati
ti è sufficiente inserire qualche semplice informazione anagrafica, una mail e una password

1 minuto per completare la tua iscrizione su PharmUP, accettando privacy policy e accordi di servizio e rispondendo a qualche semplice domanda per dichiarare se la tua farmacia è cliente CGM o meno
ti viene chiesto di dichiarare se sei già Cliente CGM e se lavori o meno in farmacia

Registrati gratis Serve aiuto?

06.11.2020
Le aziende alle Regioni: quantificate le forniture di farmaci

Le aziende alle Regioni: quantificate le forniture di farmaci

Farmacia

Le aziende farmaceutiche dell’Unità di crisi Aifa sottolineano l’urgenza del problema.
71

Di fronte all'approssimarsi della seconda ondata di Coronavirus, le aziende farmaceutiche lanciano l'allarme sulla scarsa reperibilità delle forniture di farmaci di prma necessità. Un problema ulteriormente esacerbato dal fatto che, dopo la prima fase dell'emergenza sanitaria della scorsa primavera, le giacenze di stock a livello regionale sono state restituite alle aziende farmaceutiche fornitrici. 

L’articolo che puoi leggere qui di seguito, pubblicato su PharmUP in collaborazione con la rivista Farma7, riporta la lettera del presidente di Eguaglia, Enrique Häusermann, inviata a Roberto Speranza e a Nicola Magrini.

Dalla rivista Farma7, 3 novembre 2020

Le aziende farmaceutiche dell’Unità di crisi Aifa chiedono alle Regioni di quantificare le forniture di farmaci necessari con urgenza per far fronte alla attuale difficile situazione sanitaria, aggravata dalla seconda ondata del Coronavirus.

Parola d'ordine: evitare carenze

La seconda ondata della pandemia, che sta mettendo sotto pressione i servizi ospedalieri e le terapie intensive, impone alle industrie farmaceutiche di attivarsi per garantire continuità nelle forniture di farmaci necessari, sia nella prima linea ospedaliera, sia nella seconda linea domiciliare per i casi meno gravi.
Bisogna, infatti, in un periodo di così grave emergenza, evitare carenze dovute alla mancata programmazione dei fabbisogni da parte delle Regioni e, a tal fine, il presidente di Egualia (già Assogenerici), Enrique Häusermann, ha inviato una lettera al ministro della Salute, Roberto Speranza, e al direttore generale dell’Aifa, Nicola Magrini.

Nella lettera si fa presente che le Associazioni dell’industria del farmaco operano con l’Unità di crisi costituita presso l’Aifa, sin dallo scorso marzo e senza interruzioni, per garantire adeguate scorte di medicinali utilizzati per la gestione dei pazienti trattati, dentro e fuori le terapie intensive. A tal punto, Häusermann dichiara urgente

sensibilizzare le Regioni affinché procedano nella quantificazione dei fabbisogni di sicurezza e provvedano agli acquisti delle quantità di medicinali necessari, consentendo all’Unità di crisi di rispondere efficacemente a ogni possibile scenario.

Il progredire della diffusione del virus impegna ora ad aumentare il livello di attenzione e lo stoccaggio preventivo dei farmaci essenziali, per poter garantire un’adeguata fornitura dei medicinali necessari, in particolare per le terapie intensive. “Ma i segnali di risposta a questo progetto da parte delle autorità regionali sono ancora parziali”.

Di qui l’esplicita richiesta al ministero della Salute e all’Aifa di “sensibilizzare le Regioni affinché procedano nella quantificazione dei fabbisogni di sicurezza e provvedano agli acquisti delle quantità di medicinali necessari, consentendo all’Unità di crisi di rispondere efficacemente a ogni possibile scenario”.

Farmacia

Le preoccupazioni dell’industria farmaceutica e della farmacia

L’effetto della mancata programmazione, infatti, preoccupa l’industria farmaceutica, che opera attraverso una catena di approvvigionamento globale chiamata a rispondere alle esigenze di tutti i Paesi coinvolti nella pandemia.

Se dovessimo andare di nuovo incontro a una massiccia domanda di medicinali per le terapie intensive senza adeguata programmazione e senza la previsione di specifici stock di sicurezza, l’attivazione della catena produttiva non potrebbe avvenire con la velocità attesa. E tale scenario non potrebbe, peraltro, nemmeno essere mitigato da eventuali giacenze di stock a livello regionale, che, invece di essere state mantenute dopo la fase più critica, sono state rimandate indietro alle aziende farmaceutiche attraverso procedure di reso o annullamento degli ordini già inviati.

Il problema per certi versi riguarda anche le farmacie, almeno per quanto concerne gli approvvigionamenti sul territorio. Non vorremmo, infatti, ritrovarci a rivivere l’ amara esperienza dei vaccini antinfluenzali, che ancora oggi tardano ad arrivare in farmacia.

Qual è la tua opinione riguardo gli approvigionamenti in questo periodo? Condividila con la community e lascia un commento qui sotto!

Per continuare a leggere questo contenuto completa la tua iscrizione a PharmUP

Registrati gratis Login

Registrati su CGMlife

CGM Life

Per effettuare la registrazione usciamo un momento da PharmUP... ma torniamo subito :)

Giusto il tempo di  aprire un'utenza su CGMlife, il sistema di autenticazione ufficiale CGM, che ti garantisce la massima sicurezza e protezione dei dati.

Dopodiché torniamo su PharmUP dove per completare l'iscrizione ti basterà  1 minuto: ti verrà solo chiesto di accettare privacy policy e accordi di servizio, e di rispondere a qualche semplice domanda per capire se la tua farmacia è cliente CGM o meno.

Pronti? Partenza... PharmUP!

Registrati su CGMlife

NEWS CORRELATE

Nielsen: torna la paura e l’e-commerce rimette le ali

Nielsen: torna la paura e l’e-commerce rimette le ali

22.10.2020

126
Pharmacy Scanner, partner di PharmUP, ha approfondito uno studio Nielsen sull'e-commerce: scopriamolo insieme.
Digital Disruption in sanità: l'impegno per la farmacia

Digital Disruption in sanità: l'impegno per la farmacia

08.10.2020

139
Approfondiamo insieme il tema della digital disruption leggendo l'articolo di Farma7.
Test sierologici in farmacia: prime istruzioni per l'uso

Test sierologici in farmacia: prime istruzioni per l'uso

16.09.2020

873
Leggiamo assieme l'articolo di Farma7, partner di PharmUP.

Questo sito utilizza cookie di funzionalità persistenti e cookie analitici anonimizzati, anche di terze parti, per raccogliere informazioni sull’utilizzo del Sito Internet da parte degli utenti. Per saperne di più o per ricevere istruzioni su come opporsi alla registrazione dei cookie tramite browser, consulta la nostra Cookie Policy.

  
Ho preso visione